la cedolare secca, cosa conviene di più?

la cedolare secca
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

La cedolare secca, cosa conviene di più? Oppure il canone libero.

la cedolare secca
Buonasera volevo affittare il mio appartamento…essendo disoccupato senza nessun reddito e più conveniente affittare con contratto ordinario a canone libero o con cedolare secca al 21%.

Buongiorno sono Gatti Domenico. Ho letto la sua domanda. Secondo la sua situazione lei deve presentare la dichiarazione dei redditi solo se supera un reddito da fabbricati annuo pari a 500 € altrimenti è esonerato. Poi le dico che sin dall’inizio nel caso di redditi da fabbricato (non avente valore storico) conviene optare per il regime della cedolare secca poiché si risparmiano 1,90% rispetto a imposte irpef e 2 % per imposta di registro annuale per un totale di 3,90 % su interno canone annuo. E più sale il canone più si risparmia poiché l’Irpef è progressiva. Di più se lei abita in un comune ad alta densità abitativa può attivare un contratto a canone concordato (con determinati importi secondo accordo sindacati inquilini e proprietari stipulato nel comune dove si trova l’unità immobiliare) in cedolare secca e pagherà addirittura il 10 % sul reddito da fabbricati e inoltre risparmia il 25 % su imu annuale da pagare per la stessa unità immobiliare in suo possesso che ha intenzione di fittare. Lei dove si trova ? io assisto clienti in tutta Italia.
Per ulteriori consulenze
commenti facebook