è possibile emettere delle fatture con la mia partita iva per prestazioni che non rientrano nel mio primario campo di lavoro?

prova la consulenza fiscale gratuita

È possibile emettere delle fatture con la mia partita iva per prestazioni che non rientrano nel mio primario campo di lavoro?

domanda di un utente

prova la consulenza fiscale gratuita

Domanda
Salve, vorrei sapere se è possibile emettere delle fatture con la mia partita iva per prestazioni che non rientrano nel mio primario campo di lavoro.
Risposta
Se lei ha già una partita iva aperta e l’attività per cui deve fatturare o emettere prestazione ritiene di farla in modo più continuativo può aprire un nuovo codice attività (un nuovo ateco intendo) tramite pratica variazione partita iva (le consiglio di non farlo da sola però). E’ importate poi valutare se si va soggetti a inps commercianti o artigiani e poi il regime se può essere forfetario o altri regimi agevolati. Ad ogni modo se si tratta di prestazione occasionale e è un’attività diversa dal codice attività già comunicato all’agenzia delle entrate va semplicemente emessa nota di prestazione occasionale (non si paga iva) con indicazione del reddito lordo e ritenuta di acconto del 20 % del reddito lordo se si tratta di prestazioni occasionali di natura non commerciale altrimenti se si tratta di provvigioni per vendite la ritenuta è dell’11,50 % del reddito lordo. Le prestazioni occasionali possono essere emesse fino a un limite che varia a seconda del tipo di prestazioni occasionali; per quelle non commerciali diciamo quelle normali il limite è di 6250 € in un anno solare.